ALA

----- Associazione Lavoratori Seniores d'Azienda ----- GTE SIEMENS ITALTEL NOKIA-SIEMENS

Mostra alla memoria di Giorgio Marangon

IMG-20150117-WA0008leggi : Inaugurazione Mostra

Sabato 7 febbraio 2015   ore 17.00, Sesto san Giovanni
presso lo Spazio Contemporaneo “Carlo Talamucco ” di Villa Visconti D’Aragona, via dante 6 , Sesto San Giovanni , MM1 Sesto Rondò

Inaugurazione della Mosta “L’arte nel ricordo” del nostro collega Giorgio Marangon .

La mostra sarà visibile tutti  i giorni dal 7 febbraio 2015 dalle ore 16,00 alle 19,00.
————————————————————————

 

Articolo pubblicato su NuovaSesto , 24 gennaio 2014 :
Addio a Giorgio Marangon, protagonista della crescita culturale di Sesto

Dopo Curone, un altro artista sestese ci lascia.
Dopo la morte di Giancarlo Curone, un altro lutto ha colpito la comunità artistica della nostra città. E’ scomparso  all’improvviso il pittore Giorgio Marangon, che faceva parte dello stesso gruppo nato dalla frequenza della civica Scuola d’Arte Federico Faruffini diretta dal Giovanni Fumagalli.

La produzione di questi artisti delle arti visive ha arricchito per anni nel dopoguerra, oltre a una produzione di livello, la città di tutta una serie di iniziative del valore culturale paragonabile alla milanese Accademia di Brera.
Giorgio Marangon, di origini venete, aveva studiato Figura e Nudo, Pittura, Incisione e Disegno.
Aveva frequentato Storia dell’Arte. Emergono subito dalle sue opere qualità coloristiche tipicamente  venete, amava dipingere paesaggio e figura, aveva  frequentato anche corsi di incisione sotto la guida del maestro Lo Testo. Producendo valide lastre e buona grafica. Grande lavoratore, nel suo studio ha elaborato  ricerche e tecniche culturalmente moderne seguendo sempre la lezione dei classici.

Il gruppo di cui faceva parte spesso aveva incontrato nelle sue produzioni artistiche la legge dura del mercato, a volte impenetrabile, retto da interessi speculativi, contrario ai giovani pittori fuori dal giro giusto, molto impegnati al di là del successo personale, legati a una scelta di vita interiore fuori dalla mercificazione spietata. Gli amici ricordano  Giorgio Marangon e Giancarlo Curone e il loro contributo dato alla crescita culturale di Sesto San Giovanni.